L. Ballerini, Giacomo B. Contri. Amici insieme del pensiero cristiano – Centro Culturale Milanese


Vi vogliamo parlare di Giacomo B. Contri, la cui morte è avvenuta il 21 gennaio 2022.
Tra i più autorevoli psicoanalisti italiani, compagno di strada di don Luigi Giussani dalla prima ora, era psicoanalista, tra i più autorevoli in Italia, traduttore degli scritti di Jacques Lacan. Cattolico, si definiva appartenente alla Chiesa come «realtà giuridica e non mistica».
Al Centro Culturale di Milano, per l’amicizia col direttore Camillo Fornasieri, aveva scelto di dare sede ai corsi della sua Scuola Pratica di Psicopatologia che proseguì per diversi anni, corsi che io stesso ho frequentato fino a diventare membro del consiglio della attuale Società Amici del pensiero- Sigmund Freud da lui fondata nel 2010.
Diversi sono stati i suoi interventi al Centro. Ne proponiamo qui uno molto significativo sul tema “L’amore e la logica – La ragione senza passione”, facente parte di un ciclo con Carlo Ossola, Andrè Vauchez intitolato Indispensabili revisioni.
Un argomento che intercettava il frangente culturale di quel momento, come di quello presente, ma che attraversa, come sentirete, tutta la storia moderna.

La traccia audio che mettiamo a disposizione consente a chi non lo ha conosciuto – come a chi ne è stato compagno e ascoltatore attento – di sentire il suo tipico incedere per argomentazioni e immagini, esempi e consequenzialità logica. Di cogliere quelle evidenze originali della vita individuale, fatta di esperienza, pensiero e rapporti, in una parola di appuntamenti quasi sempre coperte dalla patina teorica delle mentalità comuni e dominanti. Di cogliere, in sintesi, quale è stata ed è la sua consegna: trovare compagni per guadagnarci reciprocamente, dal cui profitto sorge il pensiero a partire dalle esperienze dei primi giorni di vita.
Nella sua ultima lettera agli amici della sua società ha usato al proposito l’immagine del mulino:

“Non c’è fede, affidabilità, se non c’è profitto dell’altro.
E non esiste amore di Dio senza la mia acqua al suo mulino. Da Dio voglio che lui guadagni da me e che io guadagni da lui.”

Pubblicato su: https://www.centroculturaledimilano.it/giacomo-b-contri/